Questione di capelli

by lacapa

Ieri sera, all’Ostello, mi è sembrato che si trattasse di una questione di capelli. Tutta una questione di capelli.

Io e Dearfriend Porno siamo arrivate al locale prestissimo, verso le 22 meno qualcosa. Io non intendevo fare tardi [o meglio, la possibilità che io facessi tardi non era stata nemmeno lontanamente contemplata dai parents quando sono uscita di casa], sicché abbiamo ordinato una birretta tanto per gradire e ci siamo date a chiacchiere disimpegnate e battute di spirito.

MisterCameriere2008 lavorava. Non l’ho visto subito, né lui ha visto subito me.

Io e Dearfriend Porno ci siamo messe a giocare a carte. Dopo mezz’ora, fingendo di guardare le carte, osservavo le sue azioni. Ha iniziato a sistemare le sedie del tavolo davanti al nostro, davanti a me. Guardava nella nostra direzione, e sembrava indeciso. Titubava, incerto sul da farsi.

Finalmente, mentre io lasciavo vincere Dearfriend Porno [in realtà, perdevo miseramente], lui ha agito. Ha posizionato una mano sul collo di Dearfriend Porno, che gli dava le spalle, le ha toccato i capelli e l’ha salutata.
Poi si è voltato verso di me.

Dearfriend Porno: << Ciao, come va? >>

MisterCameriere2008: << Tutto bene… >>

Si decide a salutarmi.

Io: << Come va? >>

Io e Dearfriend Porno ci guardiamo in faccia, e scoppiamo a ridere.
Che domande fantasiose, eh?

MisterCameriere2008 sceglie di ignorarmi. Parla con Dearfriend Porno, lanciandomi qualche rara occhiata distratta. Neanche un paio di minuti di discussione: lui stava lavorando, e credo abbia avuto qualche problema con la capa [la sua capa, mica io], con la quale s’è fermato più volte a parlare animatamente.

Appena lui s’è allontanato io ero avvilitissima.

Io: << Okay, vuole te. >>

Dearfriend Porno: << Okay, tu sei totalmente idiota. >>

Io: << Ma dai! Hai visto come mi ha ignorata? >>

Dearfriend Porno: << E che ti doveva dire? Le domande gliele facevo io! >>

Io: << Non mi ha considerata nemmeno di striscio. >>

Dearfriend Porno: << Ripeto, che doveva fare? Adesso non ti fare film stupidi, per piacere. Lo sai benissimo che io non gli interesso. E poi, voglio dire, sono buttata qua ogni sera, fino alla chiusura. Mi pare logico che ci sia un po’ di confidenza! >>

Io: << Ma ti ha toccato i capelli! Hai idea di quanto dovrò aspettare io prima che mi tocchi i capelli? >>

Dearfriend Porno: << Ero di spalle. E poi, sul fatto che parlasse con me: hai presente CameriereFigo? Se siamo in compagnia, preferisco parlare con MisterCameriere2008 perché non mi sento in imbarazzo, piuttosto che direttamente con CameriereFigo. Che ne dici di cominciare a pensare? >>

Io: << Ci sono rimasta malissimo. >>

Nel frattempo, arriva Dearfriend Ballerina.

Dearfriend Porno: << Sai l’ultima cazzata di LaCapa? >>

Dearfriend Ballerina: << No. Spara. >>

Io: << A MisterCameriere2008 piace Dearfriend Porno. >>

Dearfriend Ballerina annuisce e m’invita a proseguire.

Dearfriend Porno: << Che fai? Anche tu lo pensi? >>

Dearfriend Ballerina: << Assolutamente no. Ma quando LaCapa comincia a dire stronzate, bisogna lasciarla parlare, così si scarica e poi noi le possiamo dire quant’è stupida a discorso concluso. >>

E con questo, l’argomento è stato ignorato per il resto della serata, alquanto strana, in verità. MisterCameriere2008 non l’ho più visto.

In compenso, però, è arrivato MantienitiFolle, che non vedevo da un po’. Quando m’ha individuata m’è venuto incontro e m’ha abbracciata forte forte, affermando:

<< LaCapa, ti voglio bene! >>

Quando ha preso una sedia, appostandosi al mio fianco, è intervenuto Grignani, grand’uomo, che l’ha delicatamente invitato ad alzarsi per andare a salutare tutti gli altri presenti al locale.

<< MantienitiFolle >> ha detto, << Perché non vieni con me, al bar? Su, lasciala stare, LaCapa. >>

Era quasi mezzanotte, io ero Cenerentola e sono andata via, badando bene a non lasciare in giro nessuna scarpetta di cristallo, per timore che il mio MisterCameriere2008 la mettesse al piede di qualcuna che non fossi io.

Non l’ho salutato perché era sparito, ma avrei voluto farlo e magari dirgli:

"MisterCameriere2008,
martedì, mercoledì e giovedì dormo da Dearfriend Porno. Tradotto: capiterà sicuramente che io rimanga con te e i tuoi colleghi fino alla chiusura, che qualcuno proponga di andare a vedere l’alba tutti insieme e che io accetti. Allora spero vivamente che tu sia dei nostri, giacché ho intenzione di essere molto chiara. Sarai pure più grande di me, però credo che tocchi alla sottoscritta vestire i panni della matura. Ed è quello che intendo fare.
L’essere ragazza-donna-femmena-sicula non è una caratteristica solo di Dearfriend Porno, e io sono fermamente sicura di quello che voglio.

Alla prossima."