Celebrate good times, come on!

by lacapa

Gioisci, Sole!

Festeggia, Terra!

Sorridi, Luna!

Insomma, voi che state nell’Universo là fuori stappate le bottiglie di champagne, quello buono, tagliate la torta, mettetevi il vestito buono della domenica, cantate a squarciagola e ruttate festanti [fate tutto, ma non proprio in quest’ordine].

Ecco, adesso potete domandarvi il perchè di codesta gaiezza sconfinata!

L’annuncio lo farei in inglese [per essere proprio profèscional] ma non vorrei incorrere in orrori grammaticali che vi farebbero chiudere la pagina nel giro di pochi secondi, quindi, evito l’esterofilìa ed uso la mia cara ed amica lingua latina.

Blogger, nuntio vobis gaudium magnum: LaCapa scripsit!

[trad semi-simultanea: O voi che scrivete sui blog, li leggete o li commentate, vi annuncio una grande gioia: LaCapa scrisse!]

Ebbene sì, ho scritto un racconto. Che poi io lo trovi a dir poco mostruoso, questo è un altro discorso, ma dopo un silenzio creativo durato quasi sette mesi, mi sento come una bambina che scrive la sua prima parola. Sgrammaticata, con un’orrida grafia, incomprensibile ai più, eppure è una parola.

E’ una storia per un concorso che, sicuramente, non vincerò. Ma tentar non nuoce, giusto?

Non vi tedierò con la minuziosa descrizione delle fasi creative, anche perchè non me le ricordo neanche.

Immaginate però la mia soddisfazione: è qui, accanto a me. Nero su bianco, stampato. Quindici pagine.
Per quanto sia brutto, non posso non sperare che la vena compositiva, dopo l’aridità degli ultimi tempi, torni a fluire, rinvigorita di nuova linfa.

Ho i lucciconi. Deve essere la menopausa precoce.