Me Cinematografica – Fourth Lesson

by lacapa

Oggi avevo programmato un pomeriggio all’insegna dei film. Pensavo di vederne parecchi, al minimo tre, ma il mio essere indispensabile talvolta mi sorprende: ho passato gran parte della giornata a parlare con dear friends varie, trascurando i miei intenti filmici.

Today, sui miei schermi sono passati soltanto:

La Fabbrica Di Cioccolato, diretto da Tim Burton ed interpretato da un  fantastico – come sempre – Johnny Depp [Willy Wonka]. M’è piaciuto, ma comunque non ho mai fatto mistero del mio apprezzamento sia verso il regista sia verso il protagonista, dunque il mio è un giudizio scontato. Che dire? Ci vivrei volentieri in una fabbrica del genere [Oompa Loompa compresi]. Piccola curiosità che mi riguarda: "Charlie e la fabbrica di cioccolato" di Roald Dahl è stato uno dei primi libri che io abbia mai letto. Si tratta di una pellicola piacevole, leggera, divertente e ben strutturata.

<< Che ne dici degli aquiloni al lampone? >>   << Con la liquirizia al posto dello spago? >>

 

Fight Club, diretto da David Fincher ed interpretato da Edward Norton [narratore e protagonista], Brad Pitt [Tyler Durden] ed Helena Bonham Carter [Marla Singer]. In una parola: geniale. La storia non mi era nuova: il film è tratto dall’omonimo libro del grande Chuck Palahniuk, uno dei miei scrittori preferiti. Ho constatato con piacere che la pellicola si discosta pochissimo dal testo, avendo mantenuto in molti casi perfino le battute originali; il finale è diverso, però non saprei dire quale dei due preferisco. Menzione d’onore alla colonna sonora quasi interamente dei Dust Brothers, tranne che per l’ultimo pezzo, "Where is my mind?" dei Pixies. La scena dei palazzi in fiamme, il primo piano sulle mani strette di Marla e Tyler/Norton, e a tutto questo, aggiungere l’associazione di quella canzone, fa rimpiangere d’essere arrivati così in fretta alla fine.

<< Abbiamo posti in prima fila per questo spettacolo di distruzione di massa >>

<< Quando la gente pensa che stai morendo, ti ascolta veramente invece di aspettare il suo turno per parlare >>

<< Non è amore, è una scopata sportiva! >>

<< Che volevi fare, sballato? >>       << Volevo distruggere qualcosa di bello… >>