Tuttologia

by lacapa

Ci sono un bel pò di cose che non capisco: come mai tanta gente stia attaccata davanti ad uno schermo solo per guardare una ventina di tipi iper-pagati che tirano calci ad un pallone e sputano per terra, quelli che votano Berlusconi, i leghisti, mia sorella, l’arte post-moderna, le scimmie urlatrici che fanno le grupie ai finley e si trasformano |qualora la situazione lo renda necessario| in attente-lettrici-di-Moccia-nonchè-fan-sfegatate-di-Scamarcio, i misteri dei codici per pc, la menopausa di mia madre, l’andropausa di mio padre, il dialetto siciliano stretto, il tedesco, il cinese, il tibetano e tutte le altre lingue che non siano italiano ed inglese, i miei capelli, quelli fissati con la linea, i cattolici convinti, il metro di giudizio dei miei professori, perchè mi debbano venire le mestruazioni sempre quando la serata promette bene, come fare per non venire con una faccia da cogliona nelle fotografie, la cucina, le farfalle che continuano ad uscire dal mio portafoglio, le diete, l’idiozia, la censura, i piccioni che cagano sempre sulle macchine appena lavate, quelli che hanno un conto in banca che non va mai in rosso, me sbronza…

Bhè, l’elenco continua all’infinito.

Il problema è che non mi ritengo una stupida. Certo, nessuno mai crede di essere stupido, ma quella è un’altra storia.

Comunque, la volete sapere un’altra cosa che proprio non comprendo?

Le persone che credono di capire TUTTO, quando in realtà per il cazzo che è così.

E scusate la volgarità.

La tuttologia è una nuova branca della cultura pop mondiale, ormai è un dato di fatto.

Non c’è altro da aggiungere.

Siore e Siori,

mi spiace di aver turbato la vostra tranquillità con questa dannata rivelazione.

Dovrei aprire gli occhi anche io. Chi mi insegna?